MTB in Bottanuco

Il ciclismo fuoristrada in Bottanuco nasce nel 1997 dalla passione per la mountainbike di un gruppo di 5 amici, Luca Ravasio, Enea Lodovici, Josè Barbera, Andrea Rota e Antonio Lucchini, che si divertivano percorrendo in mountain bike i bei sentieri immersi nei boschi lungo le sponde del fiume Adda o del Monte Canto, portando anche nella nostra comunità questo bellissimo sport outdoor, allora agli albori in Italia. 
Nel luglio dello stesso anno abbiamo creato il Racing Team Bottanuco, ci siamo affiliati alla FCI e abbiamo iniziato con piccole gare a livello provinciale, poi sempre più importanti fino ad arrivare alle gran fondo e a circuiti prestigiosi a livello nazionale e anche oltreconfine. Così dal piccolo gruppo iniziale siamo arrivati nel tempo a contare più di 30 bikers, tra cicloamatori e cicloturisti.
 
Dal 1998 e per undici anni il nostro gruppo si è impegnato nell’organizzare la Racing Bike, gara di cross country per tesserati e non, dedicata alla memoria di un ragazzo del paese, Moreno Ravasio, che ha riscosso subito un gran successo in tutta la Lombardia, diventando negli anni una classica della mtb lombarda, grazie all’ottima organizzazione ma soprattutto grazie alla bellezza del percorso, caratterizzato da sterrati e sentieri lungo il nostro fiume, privi di grandi salite, ma ricchi di single-tracks e tortuosi saliscendi.
 
Negli ultimi anni rimasero solo 2 dei 5 fondatori e l’alchimia tra i membri del gruppo andò via via svanendo, come anche l’entusiasmo originario che non animava più l’impegno del presidente e socio fondatore Luca, portandolo a fine 2015 a lasciare il club e a fondarne dopo due anni uno nuovo, sempre con sede a Bottanuco.
Nel dicembre 2017 si rinnova e si evolve la passione del fondatore dell’associazione, creando una nuova realtà nell’Isola Bergamasca, Adda MTB Adventures ASD, affiliata FCI, un’associazione che promuove la pratica della disciplina della Mountain Bike, intesa come era agli albori, simbolo di libertà e avventure in bici a contatto con la natura, non solo gare e agonismo, perché il mountain biking è soprattutto libertà e divertimento, è assenza totale di auto, è poter arrivare fin dove arrivano i sentieri e i mille animaletti dei boschi e dei prati … , è voler riscoprire, in fondo, una gioia semplice.
 
Luca Ravasio